Cultura, Networking, Eventi | Vedi gli Appuntamenti del B.Lounge
Unisciti al Meetup Nord-Italia, Meetup Silicon Valley e Meetup Berlino
.

Trento, tra le alpi una nuova Silicon Valley

Trento RISE. Nell'ultimo ventennio Trento ha investito in innovazione e
ricerca per diventare la "Silicon Valley delle Alpi". (Foto: Archivio FBK)
Ai più Trento e il Trentino sono noti per paesaggi mozzafiato, per le mele delle valli circostanti e per pregiati vini bianchi. Si sbagliano. Le mele sono ottime, è indiscutibile e i vini sono tra i migliori del mondo, ma oggi Trento è la Silicon Valley delle Alpi, una realtà che investe in ricerca e innovazione da circa un ventennio, dove le parole business e start-up sono oggetto di conversazione e di intrattenimento per i migliori aperitivi della città e non solo. Paolo Lombardi, business development manager presso Trento RISE, mi racconta i progetti, le iniziative e tutto ciò che bolle in pentola.

Trento RISE nasce nel dicembre del 2010 con l’obiettivo di fare del Trentino un polo di eccellenza nella ricerca, nell’innovazione e nell’alta formazione ICT. L’associazione è stata fondata dal Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione (DISI) dell’Università degli Studi di Trento, e dal Centro per l'Information Technology - IRST della Fondazione Bruno Kessler ed è core partner del network ICT Labs dell’ European Institute of Innovation and Technology (EIT).
Moltissime sono le attività che si svolgono all’interno di questa realtà, ma la mia curiosità è su uno dei progetti che partirà a breve: il “TechPeaks, The People Acceleretor”, che tradotto in italiano vuol proprio dire “acceleratore di persone”. La prospettiva cambia, gli ingredienti sono sempre i medesimi: un’idea, un team e degli investitori ma le energie vengono condotte prima di tutto sul team e sui singoli individui, poiché sono proprio loro a fare la differenza, le persone.

Paolo Lombardi. Laurea in ingegneria
elettronica e studi di imprenditorialità in
Silicon Valley, è la mente del progetto TechPeaks.
L’idea nasce un sabato di settembre quando Paolo viene svegliato di buon mattino da una telefonata inaspettata del presidente del Trento RISE che gli comunica che il progetto di incubazione su cui stavano lavorando ha preso delle dimensioni inaspettate, l’obiettivo è infatti quello far crescere ben103 start-up. Paolo mi racconta che quella domenica non riuscirà a dimenticarla così facilmente, da quel giorno, infatti, non si è più fermato. Tutte le sue energie e quelle del team di TechPeaks si sono riversate nello sviluppo del progetto, nell’ottenimento di tutti i fondi necessari, nell’organizzazione e soprattutto nella creazione di un nuovo modello di incubatore che si concentra fondamentalmente sulle persone e i loro talenti, prima che sull’idea imprenditoriale. A volte infatti è proprio il team che non funziona, l’idea c’è, piace agli investitori, ma le persone non hanno le capacità per renderla una start-up di successo. Il “people accellerator”, quindi, punta a rendere minimo il rischio associato al team imprenditoriale.

Il TechPeaks è un programma rivolto a imprenditori, singoli o team provenienti da tutto il mondo. Si vogliono creare dei team internazionali, in modo che fin da subito vi sia la possibilità di interagire su più mercati. Il programma prevede 6 mesi da trascorrere sulle Alpi, con uno spazio di lavoro gratuito, un rimborso mensile e l‘opportunità di lavorare con mentori di livello internazionale.
A fine intervista chiedo a Paolo quali sono le caratteristiche che deve avere una persona per entrare in questo programma, l’elenco è molto interessante, si parla di creatività, di responsabilità, di leadership e poi dell’essere visionari, che non vuol soltanto dire avere un’intuizione geniale ma possedere anche la capacità di gestire e sviluppare day-by-day tale visione.
Il programma inizierà nei primi giorni di maggio, non mi resta che fare un forte in bocca al lupo a tutti i visionari selezionati, sperando di avere presto l’opportunità di conoscerne qualcuno.

[1] Link al programma Tech Peacks: http://techpeaks.eu/

Azzurra Meoli, Trento

Segui Brainstorming Lounge su Twitter