Tecnologia e Imprenditorialità | Vedi gli Eventi B.Lounge
Unisciti ai Meetup Nord-Italia, Silicon Valley o Berlino
.

domenica 26 luglio 2020

Mindset Toolkit: espandere le opportunità trasformando noi stessi

Inizia a cambiare il mondo cambiando te stesso con queste 12 regole. Sono strumenti cruciali per essere un buon leader nella vita personale e nel lavoro.



Cambiare il mondo non è facile, gli imprenditori lo sanno. Un ottimo punto di partenza è acquisire nuove competenze per interagire meglio con gli altri ed essere un buon leader. Ci sono 12 insegnamenti che mi hanno aiutato a trasformare i Sentimenti, le Azioni, la Comunicazione e il Pensiero (F.A.C.T. in inglese - Feelings, Actions, Communication, Thinking in me stesso, i miei colleghi e le migliaia di persone che hanno partecipato a ciò che ora chiamo i miei "super seminari" (workshop sembrava una parola troppo scontata).

1. La percezione NON è la realtà

Come molti, sono cresciuta pensando che la visione del mondo che i miei sensi mi trasmettono sia la "realtà". A poco a poco, attraverso l'educazione e l'esperienza, ho capito che non è proprio così. Quando studiavo fisica al Case Institute of Technology (università americana, ndr) ho imparato quanto sia diversa la realtà del nostro universo dalla mia percezione di esso. Oggetti solidi? Ci sono soprattutto spazi vuoti. Luce visibile? Questa è solo una minima parte dello spettro elettromagnetico, quella che i miei occhi possono rilevare. Da allora ho trovato molti esempi di quanto facilmente la nostra percezione della realtà sia distorta dal modo in cui funziona il nostro cervello. Le illusioni ottiche sono una potente dimostrazione di questa considerazione. Ho imparato che ci sono situazioni anche nel quotidiano in cui non riesco a vedere, ascoltare, o valutare con precisione. Ho quindi sviluppato un sano scetticismo verso tutto ciò che il mio cervello mi dice "essere realtà". Ho imparato ad essere più umile verso tutto ciò che ritengo essere "vero" e approcciarmi sempre con una mente più aperta. Con tanta flessibilità!

2. Il complesso NON è complicato

Sebbene gli uccelli volano in stormi, abbastanza vicini tra loro, in qualche modo riescono a eseguire il loro balletto aereo senza collisioni a mezz'aria. Questo è solo uno di tanti fenomeni facilmente osservabili che sembrano complicati, ma sono semplicemente complessi. La teoria della complessità ha dimostrato che principi relativamente semplici possono essere alla base di situazioni apparentemente complicate. Sapere questo mi ha ispirato a cercare principi e schemi organizzativi in tempi tumultuosi. Anche se non riesco a percepire i modelli sottostanti, non trovo più intimidatorio affrontare una situazione che sembra complicata perché so che esiste una possibilità che si trovi un semplice ordine.


3. NON ESISTE UN LIMITE - Tranne nella nostra mente

I maggiori ostacoli che ho incontrato nella mia vita sono stati autoimposti. I cervelli umani adulti sembrano prontamente abbracciare il pensiero negativo e superare questa tendenza richiede consapevolezza e disciplina. Le possibilità si moltiplicano quando smetto di pensare agli ostacoli e comincio a chiedermi "Cosa è possibile?", "Cosa sembra impossibile?" e "Cosa renderebbe impossibile?" Ipotesi e credenze autolimitanti uccidono molte idee prima ancora che vengano espresse [sopratutto in culture poco propense al rischio e paurose dei fallimenti, ndr]. La logica e la ragione ci mancano perché non possiamo percepire la realtà o l'intero insieme di possibilità. Serendipità e balzi intuitivi sono l'approccio giusto per scoprire nuove possibilità. Devo opporsi e sostituirsi a voler "sapere esattamente cosa succederà prima di iniziare" che induce ansia e spaventa facendo abortire ogni avventura anche prima che inizi! [Il limite è il 'box', la scatola, ndr]

4. Sostituisci il giudizio con la curiosità

Ricordo bene il giorno nell'agosto 1995 quando ho scoperto che cervello è una macchina per votare, giudicando costantemente se qualcosa è buono o cattivo, giusto o sbagliato, se ci piace o no, se siamo d'accordo o in disaccordo con un particolare punto di vista. Questo modo di pensare polarizzato non lascia spazio a sfumature nel nostro pensiero. A poco a poco invece ho imparato ad apprezzare le "sfumature di grigio" e il valore di essere curiosa di sapere punti di vista diversi e l'opinione degli altri. Non penso più che il mio modo di ottenere risultati sia l'unico modo, piuttosto - nel mio lavoro di formatore e consulente - cerco di aiutare le persone a scoprire ciò che è possibile invece di guidarli in una direzione in cui penso debbano andare.


5. La Collaborazione vince sulla Competizione

Non ho mai praticato sport agonistici e sin dalla tenera età ho avuto un'avversione nei confronti di giochi che avevano vincitori e perdenti, soprattutto se ero io la perdente. Anche se i miei voti scolastici erano eccellenti, ho evitato sempre di confrontarli con quelli degli altri. Mia madre mi ha sempre detto "Ci sarà sempre qualcuno migliore di te e qualcuno peggiore di te". La collaborazione, d'altro canto, mi ha sempre incuriosita. A 10 anni ho radunato i bambini del quartiere per costruire delle tende e campeggiare nei boschi vicino a casa; insieme abbiamo fatto dei viaggi in bicicletta che i nostri genitori non ci avrebbero mai fatto fare da soli. Da adulta, nel corso della mia carriera professionale [tra startup e aziende tecnologiche della Silicon Valley, ndr] ho scoperto che "allargare la torta" è più redditizio che discutere su chi ottiene la quota maggiore di poche briciole.

6. Diverso ≠ Carente

Per tutta la vita ho rappresentato il "diverso". Quando ho lavorato alla HP come ingegnere uno dei miei amici mi ha dato un libro intitolato "Un pavone nella terra dei pinguini". Leggerlo mi ha aiutato a capire perché mi sentissi così fuori posto. La ricerca ha dimostrato che i team diversificati hanno un vantaggio rispetto a quelli monolitici. Le organizzazioni imprenditoriali più sono diversificate maggiori sono i risultati commerciali che producono. Sicuramente è difficile affrontare le differenze - culturali o linguistiche - ma i vantaggi sono innegabili. Immagina una squadra di baseball con 9 fantastici catcher [il giocatore che raccoglie la palla, ndr] e nessun buon battitore: non potrebbero vincere, ovvio! A parte i più comuni tipi di diversità come il genere e l'etnia, ho trovato differenze nel modo di pensare e nello stile di lavoro ancora più difficili da gestire - ed estremamente preziose nel creare un team vincente.

7. Impossibile è semplicemente difficile

Ci sono dozzine di famosi esempi di eventi quotidiani che sono stati etichettati come "impossibili" da alcuni ad un certo punto della storia. Prima della loro invenzione, gli esperti hanno deriso l'idea di aeroplani, missili, computer domestici e chirurgia cerebrale. Leader conclamati proclamarono che radio, telefoni, TV e automobili non avrebbero mai avuto successo commerciale. Ma la verità è che poiché questi esperti non riuscivano ad immaginare COME rendere queste innovazioni funzionali le l'hanno etichettate come "impossibili". Anche l'essere umano più intelligente non può sapere tutto. E il futuro porta spesso a cambiamenti nelle condizioni a contorno, in circostanze che invalidano le precedenti valutazioni di fattibilità. Ho sviluppato una salutare indifferenza per qualsiasi cosa etichettata come "impossibile". Per me quella parola significa solo che non abbiamo trovato un modo. . . ANCORA!



8. La maggior parte degli errori è evitabile

Sebbene sia attrezzata per le mie competenze nel supportare i miei clienti con strumenti sofisticati di leadership ed efficientamento dei team, i problemi che affrontano raramente richiedono più dei modelli e delle intuizioni di base. La maggior parte dei team continua a fallire per motivi del tutto prevedibili ed evitabili, come l'incapacità di costruire la fiducia reciproca, l'incapacità di comunicare in modo efficace, l'assenza di obiettivi chiari e condivisi, e la mancanza di un accordo su priorità che devono guidare l'assegnazione di tempo, budget e altre risorse limitate. 
Un esempio memorabile di errore evitabile è la storia di una balena monitorata usando un trasmettitore attaccato al suo corpo ma immediatamente scomparsa dopo l'immersione perché il dispositivo non era impermeabile! Buon senso e applicazione delle conoscenze anche più basilari a volte diventa non una pratica comune. Dobbiamo invece imparare a operare in maniera disciplinata e FARE tutto ciò che possiamo per raggiungere un risultato.

9. La creatività è rischiosa e disordinata

Sperimentare! Molte organizzazioni affermano di desiderare prodotti e servizi più innovativi, ma non forniscono un ambiente favorevole alla confusione associata alle attività creative. Il processo creativo non è lineare. Quando si fa innovazione e ricerca, non è detto che spendendo il 50% del budget ci siano altrettanti progressi del 50% verso gli obiettivi preposti. Le prime bozze spesso non soddisfano i requisiti finali. Una persona priva di fantasia potrebbe avere difficoltà a tenere a bada l'ansia mentre la sua squadra si muove imprevedibilmente verso il successo, mentre il coraggiosamente creativo grida "Prototipo pronto, ma non perfetto!". I team in grado di integrare rapidamente i feedback di esperimenti e prototipi possono ottenere risultati migliori di quelli che ossessionano la perfezione nella prima revisione.


10. Fai errori e fallisci

L'assunzione di rischi e la creazione di errori sono una parte necessaria del viaggio verso l'innovazione. Ma di solito pensiamo che gli errori debbano essere evitati e che il fallimento tenda a essere circondato da colpa e vergogna. Piuttosto che preoccuparsi "della colpa", una visione più sana e più energica è quella di considerare gli errori come il modo di fare un passo avanti verso l'obiettivo. In HP Labs, il motto alla guida dei team di innovatori era "Costruisci un mucchio di spazzatura alto!".  In altre parole, fallisci velocemente, fallisci facendo un passo in avanti, fallisci usando quello che impari per migliorare e continuare. Per incoraggiare il processo innovativo voglio che le persone del mio team commettano almeno 3 errori al giorno - errori nuovi ed interessanti, ovviamente, non gli stessi più e più volte. 


11. Il cambiamento è scomodo

Quando qualcosa è nuovo o diverso, può spingerci fuori dalla nostra zona di comfort, innescando sentimenti negativi. Di conseguenza molte persone evitano o resistono attivamente al cambiamento. Charles Darwin ha detto: “Non è la specie più forte che sopravvive, né la più intelligente. È quella che è più adattabile al cambiamento". Molte volte nella mia carriera ho affrontato sfide che sono state travolgenti. In questi momenti sono piena di un misto di curiosità e terrore. Etichettare il mio disagio come indicatore di una sfida entusiasmante, anziché un avvertimento a fuggire, mi ha permesso di sfruttare opportunità che altri avrebbero rifiutato. Quando quella sensazione mi colpisce ho sviluppato l'abitudine di fare un grande sorriso e di gridare “Wooooooohoooooooo! Sono a disagio!". Questo approccio ha fatto miracoli e mi ha portata ad affrontare bene il cambiamento.

12. Puoi guidare da qualsiasi posizione

Come molte persone, una volta credevo che i leader fossero stati trovati in cima a un organigramma. Ma dopo decenni di lavoro con dozzine di organizzazioni, ho visto molte persone occupare la sedia di un leader, ma senza guidare. Di conseguenza, ho imparato che la leadership non è una posizione in un organigramma o un titolo su un biglietto da visita. Un leader è qualcuno che si comporta come un leader, comunica come un leader e pensa/si sente come un leader, indipendentemente dalla posizione che occupa o dal titolo che ha. Questa intuizione comporta una grave responsabilità. Una volta che ci rendiamo conto di avere il potere di fare una differenza positiva, non possiamo più accontentarci di lamentarci semplicemente dell'alta direzione. Nel mio primo lavoro aziendale in HP, fingevo che questa azienda di 100.000 persone fosse la mia e che ciò che facevo contava veramente. Pensare e agire come un proprietario mi ha dato il coraggio di fare e dire ciò che gli altri hanno solo osato pensare. La leadership non è sempre premiata, ma la trovo molto più gratificante che aspettare soluzioni dall'alto mentre mi lamento delle inadeguatezze del team dirigente.

Perché cambiare?

Tolstoj ha detto "Tutti pensano di cambiare il mondo, ma nessuno pensa di cambiare se stesso". Queste 12  considerazioni, 12 strumenti, hanno il potere di trasformare i nostri team cambiando noi stessi per primi. Non devi credermi per forza! Fai una prova, vedi di persona e facci sapere cosa sei riuscito ad ottenere.


Kimberly Wiefling


Kimberly Wiefling è un docente riconosciuto a livello globale e fa parte del gruppo docenti del TVLP Institute dove insegna Leadership. Ha aiutato un gran numero di aziende in Asia, in particolare in Giappone, e in Europa a migliorare le capacità di leadership e gestione del team. Come autore ha pubblicato i 5 libri della serie "Scrappy Guides" in Inglese e tradotti in Giapponese.

Ph.credit: Unsplash.
 Articolo originario in inglese pubblicato su TVLP Tech News.